Baza de date „Diacronia” (BDD)
Titlu:

Tensioni etniche, culturali e linguistiche nella poesia di frontiera di Giovanni Pascoli

Autor:
Publicația: Analele Universității din București. Limba și literatura română, LIX
p-ISSN:1220-0271
Editura:Editura Universității din Bucureşti
Locul:București
Anul:
Rezumat:Sarebbe interessante, in occasione di questa cesura millenaria della storia della letteratura europea, andare ancora una volta alla (ri-)scoperta dell'esperienza, per certi aspetti chiaroveggente, di un poeta italiano che ha saputo rompere in qualche modo con i particolarismi culturali che avevano pesato nella nostra storia letteraria. Alle soglie del Novecento, Giovanni Pascoli ha messo a punto una forma poetica fortemente segnata dal carattere della frontiera, attraverso una serie di procedimenti atti a rappresentare quelle pieghe complesse in cui vengono a frizione realtà etniche, culture e comunità linguistiche differenti. Già la scelta da lui effettuata della dicotomia linguistica poeta latino/poeta italiano, se era normale dalle origini della letteratura italiana fino alle soglie dell'Illuminismo, alla fine dell'Ottocento rappresenta certo una significativa anomalia, una via tutta pascoliana alla dialettica fra letteratura nazionale e letteratura universale. Ad un secondo livello più interno si pone il tentativo di Pascoli di dar voce alle voci di differenti lingue, rappresentando nel plurilinguismo e nell'interlinguismo dei versi di Italy l'identità di frontiera degli italiani emigrati in America. Il terzo e più intrinseco livello di commistione di codici linguistico-culturali differenti è dato dall'uso toponomastico e onomastico di termini appartenenti a realtà etniche differenti e in particolare al suo tentativo di comporre ad unità le caratteristiche della cultura italiana e della cultura colonizzata di quella che era stata ridenominata “Africa orientale italiana”. Tentativo che non può che naufragare nell'impossibile omologazione, insuccesso la cui icona poetica è la figura di Alessandro Magno, il personaggio storico che nei versi di Pascoli esprime il fallimento del suo progetto di abbattere tutti i confini nel sogno dell'unificazione culturale e mitica di Oriente e Occidente, Asia ed Europa, riproponendo quella irriducibile dualità geo-culturale che Edward Said ha identificato nel corso di tutto lo sviluppo diacronico della cultura occidentale.
Cuvinte-cheie:letteratura italiana, emigrazione, plurilinguismo, Giovanni Pascoli, frontiera
Limba: italiană
Linkuri:

Citări la această publicație: 0

Referințe în această publicație: 0

Lista citărilor/referințelor nu cuprinde decît texte prezente în baza de date, nefiind deci exhaustivă.
Pentru trimiterea de texte, semnalarea oricăror greșeli, și eventualul refuz ca „Diacronia” să facă publice textele, vă rugăm să folosiți adresa de email [Please enable javascript to view.].